Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
11 agosto 2019 7 11 /08 /agosto /2019 08:00

La poesia di

Santo Atanasio
Il blog di Santo Atanasio (di Castelbuono - PA - Sicily)
Il blog di Santo Atanasio (di Castelbuono - PA - Sicily)
Il blog di Santo Atanasio (di Castelbuono - PA - Sicily)
Il blog di Santo Atanasio (di Castelbuono - PA - Sicily)
(inedita in volume)

Divino, il mio paese...

 

 

Divino, il mio paese antico e buono

m’invita a bere calici di azzurro...

 

(L’azzurro sono le ali dei miei canti).

 

Castelbuono, 4 giugno 2020

________

Tutti i diritti riservati © L. 633/1941

 

A cinquant'anni dalla stesura delle mie prime liriche dei "Monodici Canti" (1970-1983), Forlì, Forum/Quinta Generazione 1987, sono usciti di recente i "Frammenti di un sogno d'estate e altri versi" (2017-2019), Asola (MN), Gilgamesh Edizioni 2020.

ISBN 978-88-6867-437-3, pp. 96, € 12,00

ISBN 978-88-6867-437-3, pp. 96, € 12,00

Il blog di Santo Atanasio (di Castelbuono - PA - Sicily)
Il blog di Santo Atanasio (di Castelbuono - PA - Sicily)
Il blog di Santo Atanasio (di Castelbuono - PA - Sicily)
Condividi post
Repost0
28 gennaio 2012 6 28 /01 /gennaio /2012 08:54

954f50c585e2bc3cb52b834f45aeb01fSanto Atanasio nasce a Castelbuono (PA) il 21 aprile 1953. Si laurea in Ingegneria Nucleare a Palermo. Dopo una parentesi di cinque anni d'insegna­mento a Legnano (MI), è prima professore ordinario di Elettronica a Termini Imerese (PA), poi di Elettrotecnica ed Elettronica a Cerda (PA). Va in pensione il 1° settembre 2019. Vive nella sua ridente cittadina natale.

 

E’presente nelle antologie: Poeti a Castelbuono (1938‑1983), a cura di R. Di Liberti, Castelbuono, Tip. «Le Madonie»,1983; Poeti nel Parco delle Madonie, a cura di Pietro Attinasi, Geraci Siculo, Edizioni Arianna, 2005; Il segreto delle fragole, a cura di Anna Toscano e Ivano Malcotti, Faloppio (CO), LietoColle, 2005; Ascuta lu cantu, a cura di Alfonso Lo Cascio, Termini Imerese, Rivista Espero/ISSPE, 2009.

 

Una larga scelta di suoi componimenti figura nel volume collettivo di poesia Silenzi d'acquario, edito nel gennaio '91 da Edizioni «Le Madonie», Castelbuono.

 

E’ tra i poeti scelti a rappresentare l’Italia nell’anno 2004 e pubblicati in “Babele Poetica”, sito aperto dalla C.N.I. UNESCO, in occasione della Giornata Mondiale della Poesia.

 

Il suo primo libro di versi: Monodici Canti, con una lettera di Mario Luzi, Forlì, Forum/Quinta Generazione, 1987.

Raccolte successive: Opali, Castelbuono, Edizioni «Le Madonie», 1994; Trilogia di miti greci, Castelbuono, ediz. d'autore f.c., 1995; Suae reliquiae, ibid., 1995; A voce a voce, Barrafranca, Editrice Bose Giesse, 1997; La semina del sole, ibid., 1998; Poesie per amore di tempo perduto e d’infinito (1970-1995), che riunisce i precedenti sei libretti con la sola accessione della poesia Rosso esclamato, Castelbuono, Edizioni del Periodico «Le Madonie», 1999.

Le sue opere più recenti: Amore in versi del settimo cielo, Castelbuono, Edizioni  del Periodico «Le Madonie», 2002; Fulgori e brine in seno, Faloppio (CO), LietoColle, 2004; In laudem patris, ibid., 2005; Rime speranza fiore del deserto, Geraci Siculo (PA), Edizioni Arianna, 2007; Lampeggiamenti, fremiti, sorrisi del sogno e del vero, ibid., 2017; Frammanti di un sogno d'estate e altri versi, Asola (MN), Gilgamesh Edizioni, 2020.

da Frammenti di un sogno d'estate e altri versi, Gilgamesh Edizioni 2020

da Frammenti di un sogno d'estate e altri versi, Gilgamesh Edizioni 2020
da Frammenti di un sogno d'estate e altri versi, Gilgamesh Edizioni 2020
da Frammenti di un sogno d'estate e altri versi, Gilgamesh Edizioni 2020
da Frammenti di un sogno d'estate e altri versi, Gilgamesh Edizioni 2020

da Frammenti di un sogno d'estate e altri versi, Gilgamesh Edizioni 2020

Nubi e stupore

 

L’estate ormai declina. 

Ecco, è settembre!

tempo di accomiatarci

dalle albe lattescenti,

dalle cicale aeree,

dai tramonti gloriosi;

dalla goduria ora azzurra ora blu

del mare e del cielo infiniti,

oppure verdeggiante

degli alberi e arbusti montani.

 

In alto: nubi bianche, nubi ardesia

e tutt’attorno: uno svolio di foglie

(nugolo di farfalle),

brividi, prime piogge.

 

Peno, pensando l’autunno che viene

e lei e me.

                Mi dico:

«Chi sa quanti anni o giorni

potranno essere nostri in avvenire...

Ma il tempo (il suo trascorrere o mutare)

forse è illusione.

                         Sì, vero è soltanto

il mio desiderio di lei

e lo stupore nostro

per questo nostro

miracoloso amore».

 

10 settembre 2017

Notizia bio-bibliografica di Santo Atanasio
Notizia bio-bibliografica di Santo Atanasio
Notizia bio-bibliografica di Santo Atanasio
Notizia bio-bibliografica di Santo Atanasio
Notizia bio-bibliografica di Santo Atanasio
Condividi post
Repost0
17 dicembre 2010 5 17 /12 /dicembre /2010 11:26

da Lampeggiamenti, fremiti, sorrisi del sogno e del vero, Edizioni Arianna, Geraci Siculo, 2017

        ritrattodisignora di cesare tallone

Ritratto di signora di Cesare Tallone

 

A mia madre

   

 

        Madre, mia madre
smagrita da stagioni e da memorie,
mia sempre fresca rosa
intessuta d’amore e di rinunzie;
mia madre, mio conforto inenarrabile,
mia mattutinità così radiosa,
ah potessi io smarrirmi all’infinito
nei dolci abbracci degli sguardi tuoi
come rondine insazia, nell’azzurro.

10 aprile-9 maggio 2010 Santo Atanasio
______
Prima stampa in «Le Madonie», N. 10, 1-15 ottobre 2010.
A MIA MADRE
Condividi post
Repost0
13 gennaio 2010 3 13 /01 /gennaio /2010 17:03

da Lampeggiamenti, fremiti, sorrisi del sogno e del vero, Edizioni Arianna, Geraci Siculo, 2017

L’ape

 

2396792934_1b0824e332.jpgFine artigiana,

                       l’ape,

ab antiquo,

                  genia dopo genia.

 

Ora, di prima estate,

in aperta campagna e nei giardini

– inondati di sole mattutino

e folti di delizia vegetale –

eccola sospirosa

di nettare di rosa,

                            di gardenia,

di gelsomino,

                      o di altro

fiore di pari o più soave odore.

 

A mezz’aria sorvola

cespugli e fioriture,

poi ronzante svolazza

frammezzo alle corolle

– ne fiuta nel frattempo la fragranza –,

affonda fervorosa

– quasi libidinosa –

                                fin nel cuore

di quelle predilette

e alfine ad abundantiam

ne sugge il grato umore,

                                       già festosa

del miele in cui più tardi

pazientemente lo trasformerà.

 

E’ questa invertebrata laboriosa

metafora dell’anima cristiana

che le virtù discrimina dal vizio

e in lievito di vita francescana

le trasmuta,

                   gioiosa di un amore

nuovo, vivo, venturo

che arrivi in tutti, in tutto.

 

23 giugno-9 luglio 2009       Santo Atanasio

________________

 

Prima stampa in «Le Madonie», N. 11, 1-15 novembre 2009.

Condividi post
Repost0
2 giugno 2007 6 02 /06 /giugno /2007 16:59

da Lampeggiamenti, fremiti, sorrisi del sogno e del vero, Edizioni Arianna, Geraci Siculo, 2017

 
Come allodola  
 
a mia figlia Rachele
nel suo 16° compleanno
 
 
Rachele,
                bionda pelle, fronte lieta
di brufoli e bei riccioli castani,
i tuoi occhi nel sole
                                    come allodola 
avventurano note e note dolci:
oh compi sedici anni –
 
sedici anni di cielo
o un continuum di amore,  
di gratitudine e di viva vita,
o figlia mia rugiada,
questo ti devo –
                             e questo breve augurio:
che il tuo avvenire avvenga pari al gaudio
molto primaverile che ora vige
in questa azzurra mattutinità.
 
 
27 maggio 2007                                                       Santo Atanasio
_____________

Apparsa in anteprima il 2 giugno 2007 sul blog santoatanasio.splinder.com.

 
Elin Danielson Gambogi - Sotto il melo

Elin Danielson Gambogi - Sotto il melo

Condividi post
Repost0
8 maggio 2007 2 08 /05 /maggio /2007 17:03

da Lampeggiamenti, fremiti, sorrisi del sogno e del vero, Edizioni Arianna, Geraci Siculo, 2017

vint
                          
Lillà in fiore               
 
a mia figlia Clara  
nel suo 17° compleanno    
     
   
O Clara, fresca di anni  
ed ebbra di avvenire,
risplendi tutta,
tutta mi togli il fiato,
mia tutta mattino d’aprile –
 
come lillà nel sole
– ora di brevi cuori rinverdito,   
ora tutto sorrisi    
di fiorellini belli
violetto vellutato
che, riuniti in pannocchie,
odorano soavi tutt’intorno.
 
 
23 aprile 2007       Santo Atanasio
_______

Apparsa in anteprima l’8 maggio 2007 sul blog santoatanasio.splinder.com.

   
Condividi post
Repost0
1 aprile 2007 7 01 /04 /aprile /2007 15:59
    rosa e poesia
Destro      
   
   
Nel chiarore perlato
dell’alba (è primavera),
gli uccelli si schiariscono la voce
per poco,
ed ecco, lieti,
volano in frotte verso il nuovo giorno.
 
In chi
ha ancora occhi fanciulli,
l’attesa
di un mondo luce e pace
rapida si ritempra:
quel primo lume e quel fervore d’ali
offrono a larga mano
il destro da non perdere
per non morire di estrema stanchezza
al senso del prodigio – o della grazia.
 
   
28-29 marzo 2005                     Santo Atanasio 

    Kaura--estate-1986.jpg
Azzurrità


S’inizia il giorno. E’ ovunque traboccante
di azzurrità soavi, prodigiose:
azzurrità di cielo, alto esclamata,
azzurrità pastello di monti in lontananza,
azzurrità di mare, stellata di sprazzi di sole...

Assetati cammelli, i sensi e l’anima
bevono queste azzurrità di spazio
vedendo in sogno, oziosi, dune spianarsi, acquose, erbose.

10 maggio 2005                                 Santo Atanasio

______________
Prima stampa in «Le Madonie», N. 9, 1-15 agosto 2005. 

  nomellini fanciullo 

   Plinio Nomellini, Fanciullo con fiori

 

Dies mortis, dies natalis

 

 

Dopo Gesù risorto,

il giorno della morte

è il giorno della nascita.

 

Il cielo non s’illumina d’aurora,

se prima non trascorrono le tenebre;

né il canto sboccia lieto,

se non dopo un sofferto

ascolto del silenzio.

 

Così l’uomo di terra

                             prima spira,                                                  

si dilegua, finisce in sfacimento,

poi la sua carità

– se quaggiù fu operosa –  

gli dà vera salvezza;

ed ecco:

            pari a sé e altro da sé,

lui prende ora e per sempre vita in Cristo   

ed è uomo celeste, 

fulgidus sempiterna gloria Dei.

 

5 ottobre 2006                       Santo Atanasio 

Santo Atanasio (foto di R. Mazzola, 1998)

Santo Atanasio (foto di R. Mazzola, 1998)

Condividi post
Repost0
23 febbraio 2007 5 23 /02 /febbraio /2007 10:17

 

     mandorlo in fiore

 

Prodigio di febbraio  

 

 

 

Sorride schietta e lieve tutt'intorno

la fioritura effimera del mandorlo

nell'aria immite di febbraio...

                                                 Rime

improvvise con brio d'acqua rupestre

dirocciano nel cuore di stella in stella spenta.

 

 

Oh intimamente si disserra e sfolgora

colmo di pace e di candore eterno

il firmamento di perduti tempi.

 

 

Febbraio 2004                                               Santo Atanasio

__________________________________________________

 

Alla Kalura


Risfolgora l’estate.

Breve seno di mare,
gran quiete verde e azzurra e rilucente,
mirabile bellezza,
acquatica dormeuse
che dolcemente ritmica
ti offri a svuotarmi il corpo di stanchezza,
il cuore
di tedio e di assenze sgomente.

Oh grazia, se per me non è finita,
il tuo medicamento
riappropri alla speranza la mia vita.

Kalura (Cefalù), luglio 2005             Santo Atanasio
_______
Apparsa on-line sul Forum di LietoColle,in STAGIONI/Estati,

il 30 ottobre 2005.

            giolif fanciullaFrancesco Gioli,

Fanciulla in riva al mare

(1906)

 


    rosa meditativa di salvador dalìRosa meditativa di Salvador Dalì

 

          Carpe praesentia


Giorni d’autunno
                        più chiusi, più oscuri.

La creazione
nella sua fissità o morte apparente
straripa di silenzio e di nerore,
come il passato tempo
nelle infime lacune dell’oblio.

Nasce e cresce all’eclisse 
la mente nelle sue figurazioni
di ciò che crede giusto
e vitale per l’uomo e la natura,
di un avvenire – o prossimo o lontano –
colmo angelicamente di armonia.

Questa sofferta pausa di meditatio
grava sugli occhi e il petto,
                                        però non ottenebra il cuore
né lo divezza dalla lievità:
spalancato al presente e a quanto accade,   
spera – frattanto palpita e riluce –
di cogliere l’essenza
o il senso unico e vero del creato,
di decifrarne almeno un po’ la copia
dei linguaggi 
                   – di là dalle apparenze.

In tutto – ecco, lo sente e a sé lo appropria –
opera
          maga forte di sé
                                    ab aeterno la vita.



8 novembre-5 dicembre 2004                               Santo Atanasio     
__________
Carpe praesentia: “praesentĭa” è accusativo di “praesentĭa, ĭum”, sost. n. pl.: “il presente, le circostanze, le cose presenti”.
Apparsa on-line nel Forum di www.periodicolemadonie.it il 9 gennaio 2005 e sul sito www.lietocolle.com il 13 gennaio 2005; prima stampa in «Le Madonie», N. 11, 1-15 novembre 2005.

 


Santo Atanasio (dicembre 2009)

Santo Atanasio (dicembre 2009)

Condividi post
Repost0

Florilegio Di Versi - Pagine Su S. A.